Autore: Patrizia Pappalardo

Una serata in compagnia di SEX & DISABLED PEOPLE

Ci sono molti modi per parlare di sessualità e disabilità. Un modo creativo, raffinato ed efficace è il reading musicale Sex & Disabled People di e con Barbara Garlaschelli e Alessandra Sarchi  a cui ho assistito domenica 7 febbraio a Milano. La Serra Lorenzini era gremita e qui sotto una breve traccia audio a fine spettacolo, perché credo che alle volte gli istanti catturati come questo siano più efficaci delle parole. http://www.disabilitystyle.it/wp-content/uploads/2016/02/sex6disabledpeopleapplausi.m4a Come potete sentire lo spettacolo è stato molto apprezzato, brave! Il motivo? Un sapiente dosaggio di ironia, di tabù alla ricerca di libertà, di bella musica di accompagnamento con...

Read More

Novità da Bruxelles per il turismo accessibile

Il 28 gennaio a Bruxelles ho partecipato alla conferenza European Tourism Indicator System – ETIS – Managing and promoting sustainable and accessible tourism destination. Con Max stiamo sviluppando EXPLORAMY ,un progetto di turismo accessibile, e così quando c’è qualcosa di interessante per questo settore non ce la perdiamo. ETIS (European Tourism Indicators System for sustainable destination management) è uno strumento che definisce degli standard per consentire alle destinazioni turistiche di misurare e monitorare le loro prestazioni in termini di sostenibilità. ETIS è stato avviato dalla commissione europea dal 2013 e ha seguito una fase di test di due anni implementando...

Read More

360° Diversity Charter la carta degli impegni per la diversità della radiotelevisione inglese

Il 2016 è l’anno dei Giochi Paralimpici a Rio in Brasile e Channel 4 annuncia che sarà l’anno della disabilità proseguendo con l’impegno intrapreso già dal 2015 con la sua 360° Diversity Charter (la La Carta della diversità). Nel 2016 Channel 4 ha pianificato una serie di attività e investimenti in cui la rete televisiva si impegna ad aumentare la presenza delle persone disabili nel settore radiotelevisivo. Tra queste attività c’è l’obiettivo di incrementare le presenze nei maggiori spettacoli della rete (Gogglebox, The Island, Grand Designs, Hollyoaks, First Dates) davanti e dietro la telecamera. La rete investirà 300 mila sterline...

Read More

Giocattoli per bambini disabili

La campagna più nota è #toylikeme (potete visitare il sito toylikeme e il profilo su FB Toylikeme) nata per sensibilizzare e incentivare il mercato dei produttori nella creazione di bambole in cui i bambini disabili potessero riconoscersi. Il produttore inglese Makies ha creato così una linea di bambole personalizzabili, in questo momento però Makies non commercializza queste bambole. Esistono altri progetti come BensMediBear (la pagina su FB di BensMediBear) , WeesiePalsShop (la pagina su FB di WessiePals) nato da una mamma americana Erin Wozniak per la sua bambina Elyse che i suoi familiari chiamano Weesie , Adoolikeme che riproduce delle bambole in cui i bambini possono immedesimarsi. Anche...

Read More

Aimee Mullins e l’opportunità della diversità

In questo video Aimee Mullins mostra come il linguaggio influenza il nostro modo di pensare e la nostra visione del mondo. L’importanza di cambiare il paradigma da come ottenere la normalità a uno sulla possibilità di sviluppare le potenzialità dell’individuo. La ricerca di neologismi per definire le persone disabili come diversamente abile nasce negli Stati Uniti all’inizio degli anni Ottanta ad opera del Democratic National Committee con l’intento di trovare un termine con un’accezione meno negativa di handicappato. In Italia la definizione diversamente abile è attribuita allo scrittore e giornalista disabile Claudio Imprudente che la considera “espressione capace di cambiare...

Read More
  • 1
  • 2